CHIESA VIVA

La verità vi renderà liberi ...

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
E-mail Stampa PDF

Il Tabernacolo di quale Dio?

 

Le forme geometrico-massoniche della “Triplice Trinità”, sul Tabernacolo.

Il Tabernacolo è la dimora di Dio. I simboli che adornano questa sacra dimora, non solo dovrebbero essere permeati di uno spirito di sacro rispetto, di venerazione e di adorazione, ma, soprattutto, dovrebbero esprimere la vera essenza del concetto del Dio che abita nel Tabernacolo.

Si è già visto che il centro del Tabernacolo, a 18 m dalla base, lo associava al “Marchio della Bestia” 666.

L’area che circonda il Tabernacolo, inoltre, simboleggia il Tetragrammaton con il suo n° 15 e la sua pretesa di rappresentare Tutti i 72 Nomi del Nome cabalistico di Dio-Lucifero!

La stele di “Pietra nera” del Tabernacolo, poi, è, fin dall’antichità, un’espressione pagana della divinità; paganesimo di cui è impregnata la Massoneria e di cui i vertici di spicco dell’ONU sembrano essere i convinti assertori e gli entusiasti propagatori, anche se, oggi, solo facendo uso di simbologia che nasconde i veri contenuti della loro dottrina alla vista del mondo profano.

Dalla “Schethya”, la “pietra cubica a punta” “che ha dato vita al Mondo” (Lucifero), l’Altare e il Tabernacolo dell’idolatria sono stati chiamati: pietra cubica, pietra d’angolo, pietra ner”, Pietra a colonna, fino al talismano del Lucifer Trust. Ma questa Pietra nera l’ONU ci informa che è «un simbolo che dice come la Luce dello Spirito dà vita alla materia»!

 

 

Chiusura argentata a due ante del Tabernacolo

 

 

Quando si apre il Tabernacolo, la 13a formella scompare, facendo apparire questa chiusura argentata a due ante, ornata da due pesci opposti l’uno all’altro.

I pesci sono notoriamente muti, e tali rimangono per i profani, mentre per gli iniziati, la loro eloquenza prende la forma dei simboli:

 

 

33 squame = Massoneria;

5 vertici delle pinne = Stella a 5 punte = 15 = Massoneria;

5 + 1 vertici delle pinne = Stella a 6 punte e del n° 18;

l’occhio forma un 9 e un 6 = 15;

i numeri 3, 5, 7 (sulle branchie e sulla coda) del Maestro.

 

Gli insulti a Dio Uno e Trino, sul Tabernacolo.

 

Osservando frontalmente il Tabernacolo aperto, con le 3 formelle a destra e 3 a sinistra, si ha, immediatamente, la visione di una geometria fatta di 4 linee parallele orizzontali e 4 verticali, definite dai bordi della stele e dalle linee esterne e di separazione delle 6 formelle.

Tracciato l’asse verticale della stele, con le esperienze già fatte, tutto avviene automaticamente: si traccia la “Stella a 5 punte”, dai 2 punti inferiori centrali, poi, la Stella a 6 punte il cui asse orizzontale si interseca con quello verticale della stele, individuando il Punto centrale che è il centro del Triangolo rovesciato, della Stella a 5 punte.

Come già visto in precedenza, nella struttura della “nuova chiesa”, l’insieme della Stella a 5 punte, della Stella a 6 punte e del Punto centrale formano la 2a Santa Trinità massonica, l’Uomo divinizzato, mentre il Triangolo rovesciato col Punto centrale formano la Santissima e Indivisibile Trinità massonica, la 3a Santa Trinità, cioè Lucifero insieme al Patriarca del Mondo e l’Imperatore del Mondo.

E dove si nasconde, invece, la 1a Santa Trinità massonica? Questa è rappresentata dal Triangolo, tracciato con linea bianca nella fotografia di pagina seguente, e, fisicamente, è costituita dalla Stele di Pietra nera che rappresenta la Materia (Fuoco, Terra, Acqua) “allo stato primordiale del caos”.

Ora, “questa Materia con i due sessi forma il Corpo che, con l’Anima, generata dal Fuoco con l’Aria” forma quello che il segretario dell’ONU chiama “La terra su cui noi viviamo” la quale ha bisogno dello “Spirito Santo”, “generato dal Fuoco con la Luce”, per dare la “vita”.

In altre parole: poiché la perfezione del Maestro, o della Pietra perfetta, è sempre intesa in termini non “materiali”, ma “spirituali”, il discorso dell’ex Segretario dell’ONU, Dag Hammarskjold, significa: il mondo profano (noi poveri cristiani), che formiamo il Corpo del Mondo, abbiamo bisogno, prima di un’Anima, e, poi, della “Luce” della Massoneria che, col “Fuoco” della ribellione a Dio, produce lo “Spirito Santo” di Lucifero, che ci dà la “Vita”, cioè, ci fa diventare “Maestri”, “Uomini-dio”, “Pietre perfette”! Queste sono le “pietre” che la Massoneria usa per edificare il suo Tempio!

Cosa significa tutto questo per un povero fedele cattolico che entra in questa “nuova chiesa”? Secondo gli Alti Iniziati, significa che deve salire i 15 gradini massonici, per acquisire lo “Spirito Santo” per “divinizzarsi” e diventare un “Maestro”, o meglio, un Uomo perfettamente assatanato!

E cosa significa, invece, per il Clero cattolico che amministra i Sacramenti?

Per loro, gli Alti Iniziati hanno un altro programma, che è il vero contenuto delle 13 formelle del Tabernacolo!

You are here: Inizio Articolo - Il Tabernacolo di quale Dio?